QUADERNI DEL CARCERE (INFOCARCERE)

 

 

 

 

Formato: 17x24

 

Pagine: 132

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 10,00

 

ordina

Libro: DELINQUENTI NON SI NASCE MA SI DIVENTA

È un’ininterrotta confessione, spesso d’una brutale sincerità, ma con ricorrenti oasi pacate e serene riflessioni ispirate a una calda affettuosità e scaturite da una duramente conquistata consapevolezza dei propri tragici errori e sconsiderati atteggiamenti trascorsi.

Un fitto diario che spazia dalla primissima fanciullezza, in cui già si rendono palesi le asperità di carattere del protagonista e il rifiuto netto di qualsiasi forma di costrizione; alla turbolenta adolescenza contrassegnata da una progressiva, inesorabile iniziazione alla malavita con reiterati episodi di furti e rapine; alla giovinezza dissipata in spavalde e irridenti sfide ai tutori dell’ordine in combutta con altri giovani del pari inclini a delinquere.

L’esito inevitabile di tanto malintesa forma di “affermazione”: la restrizione in carcere, con ripetuti soggiorni in vari penitenziari d’Italia, acuisce in notevole misura le capacità di osservazione di Emanuele, favorendone una disincantata rappresentazione dell’universo carcerario analizzato con fredda lucidità attraverso il copioso campionario di una “fauna umana” dalle distorte psicologie individuali con le sue contraddittorie manifestazioni di astuzia maligna e di ottusa ignoranza, di chiusa impenetrabile omertà e di “interessata” propensione al pentitismo.

Autore: Emanuele PALMIERI

Emanuele Palmieri. Nascere a Gela nel 1969 e crescere a Vittoria porta inevitabilmente il pensiero a un periodo caratterizzato da episodi di criminalità organizzata, che avevano condizionato la vita di quei laboriosi centri urbani. In quel periodo la scuola non era nelle aule ma nella strada. Emanuele, come gli altri adolescenti della sua età, non ha mai conosciuto l’infanzia «mai incontrata, né accarezzata, né frequentata». Nemmeno i quattro anni trascorsi presso un collegio di suore sono serviti a insegnargli che la vita è da vivere nella legalità con il rispetto dei propri simili. Costretto a dover sopravvivere in mezzo a un susseguirsi di scelte sbagliate, ha inevitabilmente vissuto l’esperienza del carcere minorile. Confidando in una sorta di impunità, privo della cultura di discernere il bene dal male, si è ritrovato in carcere per sedici anni e tre mesi. Guardando indietro, con un sorriso amaro Emanuele constata che Vittoria porta tale nome ma, in effetti, per troppi anni ha rappresentato la “sconfitta” della gente onesta, che «meriterebbe la luce del sole, i colori dell’arcobaleno, la serena bellezza del tramonto…».

 

 

 

 

Altri Libri di questo Autore