RELIGIONE

 

 

 

 

Formato: 17x24

 

Pagine: 308

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 20,00

 

ordina

Libro: ELISABETTA DI SARDEGNA - Radice protomoderna dell’apostolato cattolico

La famiglia emigra in Francia, prima a Lione, poi a Parigi, quando Gavino aveva quattro anni.
Fin dall'età infantile, il bimbo aveva grande talento nel riprodurre a carboncino paesaggi,
animali, persone. Il padre Gian Maria, non aveva piacere che il figlio prendesse questa piega, ma avrebbe gradito introdurlo nell'impresa familiare come gli altri figli. Ma la madre, donna
Caterina della nobile famiglia Manno, intuisce il genio del figlio Gavino, e. di nascosto dal marito, con mezzi propri, lo inserisce nel mondo accademico francese.

I frutti di tale scelta non tarderanno a farsi vedere, poiché a soli 15 anni la Famiglia de la Croix allestisce la “prima personale” del giovane enfant prodige. Si deve pensare che la mostra aveva lavori del giovane dall'età di sei anni. Nessun critico voleva credere che i quadri, tanto apprezzati, fossero stati dipinti da un ‘moccioso’ di sei anni! Dopo la prima mostra ne seguirono altre ed altre ancora in diversi Paesi del mondo, persino in America.

Attualmente tutti i quadri sono di proprietà di un collezionista privato americano. Gavino fu anche un attivista politico: celebri i suoi disegni eseguiti durante gli scontri della Rivoluzione francese.

Autore: Piero PINTUS

Piero Pintus, prete romano, nato nel Principato di Monaco, scrittore giornalista, docente all'Istituto di Scienze dell'Opinione Pubblica dell'Università Internazionale PRO DEO, oggi LUISS, corrispondente inviato speciale dell'Osservatore Romano, direttore dell'Ufficio Stampa dell'Anno Santo 1975. Direttore dell'Agenzia di Stampa e della Stazione “Radio Obiettivo Romano”, membro della Commissione sulle Comunicazioni Sociali Sinodo Romano 1988, già Parroco della Basilica di San Lorenzo in Lucina. Tra le sue opere ricordiamo: "Vigilate et orate" (1960); "Strada dello Spirito" (1965); "Note di Cronaca Rivisitazione di un'Agenzia di Stampa" (1995).