RACCONTI, ROMANZI E STORIE VERE

 

 

 

 

Formato: 15x21

 

Pagine: 339

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 16,00

 

ordina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Libro: IL CASO MIA MARTINI

Non era davvero impresa agevole quella di cimentarsi nella ricostruzione e nella rielaborazione in chiave letteraria di una vicenda umana ed artistica così peculiare per copiosità ed intensità di atmosfere, sentimenti e testimonianze toccanti di sofferenze patite nello spirito e nella carne dalla sua protagonista.

Ma l’autore ha saputo venirne a capo in modo lusinghiero, dipanandone la densa materia in una esposizione tessuta con indubbia maestria, affidandosi ad uno stile agile pur nella meticolosa e puntuale registrazione di una così fitta congerie di accadimenti. La lettura ne risulta pertanto veramente appassionante, anche per la costante tensione narrativa che restituisce, con piena aderenza alla realtà, una parabola esistenziale ripetutamente contrassegnata da momenti forti, e spesso laceranti, nella loro tragica portata ed incidenza sulla fragile, indifesa personalità dell’artista. Le alterne vicende della carriera della cantante: dalla precoce vocazione infantile alle stagioni del duro tirocinio, avaro di soddisfazioni e talora svilito in esibizioni marginali e periferiche; dalla scoperta del suo singolare talento di interprete, in possesso di sorprendenti mezzi vocali, alla esplosiva affermazione pubblica al cospetto di una platea sempre più vasta e fedele a livello nazionale e internazionale; dalle prime e nel tempo ricorrenti battute d’arresto sino alla cupa fase dell’oblio ed alla successiva resurrezione e riconquista della scena, sono scandite in una rappresentazione pienamente efficace.

In questo accidentato percorso artistico trova una puntuale collocazione la rassegna parallela dei turbamenti sentimentali e delle sconvolgenti esperienze umane che hanno investito la protagonista sino al tragico epilogo della sua martoriata esistenza; mentre l’indagine dell’autore si estende altresì alle non meno turbolente vicissitudini del di lei nucleo familiare. Tempestive aperture sulle tensioni politiche e sociali che hanno inciso con la loro intensa drammaticità sulla vita della nazione, e rapidi scandagli della scena internazionale in quel torno di tempo, inquadrano la vicenda particolare in un vasto contesto conferendole in tal modo un più ampio respiro ed una pregevole completezza documentaria.

Ammicca inoltre qua e là una blanda satira di costume, sia pure circoscritta a particolari ambienti dell’Urbe, mentre trapelano saltuariamente spunti di amara ironia, e ricorrono accenni insistiti ad una aperta censura di alcuni comportamenti davvero riprovevoli di personaggi e comprimari del mondo dello spettacolo.

Avvolge infine costantemente la rappresentazione della tragica vicenda della protagonista una pietas alla quale l’autore affida, con fine delicatezza d’animo, la manifestazione della propria umana solidarietà nei confronti dell’infelice eroina da lui così vividamente ritratta.

Autore: Marcello M. GIORDANO

Roma, New York e Buenos Aires sono le metropoli che hanno profondamente influito sulla formazione culturale e professionale di Marcello Massimo Giordano. Nato a Roma il 23 novembre 1942, ha terminato gli studi quando decise di abbandonare la Facoltà di Scienze Statistiche all’Università de La Sapienza molto prima del conseguimento della laurea. Per recarsi a New York, con l’intento di approfondire la conoscenza del management delle maggiori gallerie d’Arte moderna di Manhattan e dare inizio a una lunga attività di imprenditore, promoter e organizzatore di eventi d’Arte contemporanea, in Italia e all’estero. Studioso di storia e cultura latino-americana, dal 1988 al 1998 ha soggiornato per lunghi periodi a Buenos Aires, operando come giornalista free-lance e consulente privato per la costituzione di joint-venture tra imprese italiane e sudamericane. Nel 1993 è stato nominato coordinatore della selezione nazionale argentina per la Biennale di Venezia. A Roma è stato uno dei soci fondatori dell’Associazione Italia-Colombia nel 1988, ha fondato nel 1990 la Theorema, casa editrice specializzata in libri e cataloghi d’arte, e nel 1996 ha editato e diretto Il Diario, un tabloid mensile di politica internazionale. Dal 2001 ha partecipato a vari programmi radiofonici, quale autore e conduttore di Special dedicati a grandi personaggi della televisione e dello spettacolo. Ha esordito nella narrativa nel 2000 con il romanzo Laggiù la luna, pubblicato in una nuova versione editoriale nel 2002 col titolo Cielo Argentino, mentre nel 2005 ha pubblicato il romanzo Nero Esquilino. Attualmente vive stabilmente a Roma.

 

 

 

 

Altri Libri di questo Autore