RACCONTI, ROMANZI E STORIE VERE

 

 

 

 

Formato: 17x24

 

Pagine: 486

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 30,00

 

ordina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Libro: IL MIO PIÙ LUNGO VIAGGIO - da Roma a Tokyo a piedi

Stimolati dall'augurio formulato dalla curatrice a conclusione della sua Prefazione, ci siamo piacevolmente disposti alla lettura del resoconto di questo straordinario viaggio che ci ha immediatamente 'catturato' per le nobili motivazioni perseguite, e via via sempre più coinvolto per il suo fascino del tutto peculiare.

Il protagonista ha saputo infatti con limpida semplicità e spontaneo candore esporre le numerose vicissitudini che hanno contrassegnato la sua autentica impresa, restituendocene senza alcuna malizia e abbellimento letterario le particolari atmosfere e sfaccettature, ora liete ora drammatiche e spesso del tutto imprevedibili.
Ne è scaturita una rappresentazione vivacemente realistica ed estremamente varia e accattivante, tramata sulla scia dei mutevoli stati d'animo e dell'incessante teoria di emozioni e impressioni che hanno costellato costantemente l'impervio itinerario dell'intrepido marciatore.
Si alternano così a sintetiche descrizioni paesaggistiche, scene animate dall'intervento di umili persone e di grandi personaggi dei numerosi Paesi attraversati; e ancora, a manifestazioni di aperta e disinteressata cordialità e tangibile generosità, momenti di autentico brivido e paralizzante timore, sempre tuttavia superati con risoluto coraggio e ferma determinazione, e solo raramente con il concorso di un inaspettato intervento della fortuna.

Di suggestiva efficacia risultano inoltre i ricordi legati alle soste dell'autore presso dirigenti e maestranze delle numerose imprese italiane impegnate nella realizzazione di impianti e opere prestigiose per grandiosità di concezione e pubblica utilità: altrettante 'rimpatriate' che hanno suscitato momenti di serena e talvolta accorata nostalgia della Patria lontana.
Occasioni ricorrenti hanno inoltre consentito all'autore di aprire squarci di vivida rappresentazione della peculiare attività di Consolati e Ambasciate italiane via via
contattate nell'interminabile viaggio.

In una di esse egli ha avuto così modo d'incontrare il diplomatico dr. Lorenzo Ferrarin, nipote del trasvolatore Arturo, che, profondamente commosso, gli ha rilasciato un attestato di viva stima e calorosa riconoscenza.
La franca sincerità della testimonianza dell'instancabile camminatore non è venuta meno neppure nell'esplicita manifestazione della delusione patita al momento dello scalo all'aeroporto di Roma ove nessuna autorità ne accolse il sospirato ritorno.
Ma la popolazione di Thiene volle e seppe riservargli una trionfale accoglienza che lo ripagò abbondantemente provocandogli indimenticabili momenti d'intensa commozione.
E solo una volta tornato a casa, egli col tempo si rese conto pienamente dell'enormità dell'impresa compiuta, la cui reale consistenza andava già via via dileguandosi assumendo i connotati di una meravigliosa 'leggenda'.

Adalberto Vaccaro.

Autore: Roberto BASSI

Nessuna descrizione disponibile.