PER NON DIMENTICARE

 

 

 

 

Formato: 21x30

 

Pagine: 144

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 30,00

 

ordina

Libro: IL MONUMENTO INAUGURATO 2 VOLTE

"L'uomo, grazie al mezzo aereo, anela al cielo con una vertiginosa cabrata e la scia del1 'ueroplano lo collega agli elementi dello spazio bidimensionale, la terra e l'acqua".
È quanto viene simbolicamente rappresentato da questo monumento realizzato a testimonianza del legame tra l'Aeronautica e la cittadinanza e che metaforicamente, ha detto il suo ideatore, "è un augurio per la città affinché sia capace anch 'essa di spiccare il volo verso importanti traguardi".

L'idea, che subito si trasforma in progetto, viene alla luce alla fine del 1994 come qui ci illustra l'ufficiale che quell'idea ha fatto nascere e tenacemente coltivato fino in fondo.
In accordo con il Comune, nel 2008 egli ha inteso completare e riqualificare il progetto al fine di valorizzarne l'aspetto, di migliorarne l'arredo e complessivamente la qualità, garantendo nel tempo la sua manutenzione.
Un'opera realizzata utilizzando ingegnose soluzioni architettoniche ed ingegneristiche, impegnando all'unisono ingegneri aeronautici e civili ed ottenuta grazie a sponsorizzazioni, donazioni e l'impegno disinteressato di un gruppo di persone.

Autore: Euro ROSSI

Il Colonnello Pilota Euro Rossi, nato a La Spezia il 5 giugno 1951, è entrato nell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, Corso Leone 3°, nell’ottobre del 1970. Acquisito il Brevetto di Pilota Militare a Latina nel 1975, è stato assegnato al 50° Gruppo della 46^ Aerobrigata di Pisa. Qui è rimasto, a parte un anno trascorso all’Accademia Aeronautica in qualità di Ufficiale addetto all’inquadramento degli allievi e insegnante di navigazione aerea, fino al 1983, anno nel quale è stato trasferito a Latina per svolgere le funzioni di istruttore di volo presso la Scuola Volo Basico Avanzato Elica. E’ qui che ha svolto tutti i suoi incarichi di comando: Capo della Compagnia Allievi, Capo Ufficio Operazioni, Comandante del 207° Gruppo Volo, per poi essere trasferito nel 1989 al 1° Reparto Ordinamento dello Stato Maggiore a Roma dov’è rimasto fino all’estate del 1994. In tale anno è ritornato all’aeroporto di Latina in qualità di Vice-Comandante e poi di Comandante del 70° Stormo. Finito questo prestigioso periodo veniva impiegato allo Stato Maggiore Aeronautica presso l’apposito organismo creato per studiare l’organizzazione della Forza Armata dove rimaneva fino al 1999. In tale anno gli veniva affidato l’incarico di Capo Ufficio Personale ed Addestramento della 3^ Divisione del Comando Logistico che avrebbe lasciato nel luglio del 2000 per essere trasferito a Bruxelles presso il Consiglio Europeo per far parte del Team di esperti militari chiamati a costituire lo Stato Maggiore Militare Europeo. Tale organismo costituito nel giugno dell’anno successivo lo ha visto Capo dell’ADMIN Branch.
Da settembre 2003 riveste l’incarico di Capo Ufficio Storico dell’Aeronautica Militare, dal 1° gennaio 2005, assume anche la presidenza della Commissione Italiana di Storia Militare affiliata alla Commissione Internazionale di Storia Militare e, dal 10 febbraio dello stesso anno, è nominato membro della Commissione della Presidenza del Consiglio dei Ministri incaricata dell’esame per la concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati.

 

 

 

 

Altri Libri di questo Autore