FIABE, RAGAZZI E SCUOLA

 

 

 

 

Formato: 15x21

 

Pagine: 48

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 5,00

 

ordina

Libro: LA DISAVVENTURA DI FELICETTO IL CINGHIALETTO

Sempre più spesso ci capita di apprendere, dai notiziari e dai giornali, della presenza di animali selvatici che dai boschi dove vivono, entrano nei centri abitati con i disagi che ne derivano.
Fra questi i più avvistati sono sicuramente i cinghiali.
Questo, infatti, è il racconto di una giornata vissuta insieme ad un giovane cinghiale non tra i cespugli, gli alberi ed altri animali, ma tra una casa, una piscina e degli uomini. Una giornata, come tante se ne presenteranno ancora, nella vita del cinghialetto protagonista di questo racconto, piena di difficoltà e pericoli da superare.

“Che fatica essere… cinghiali” è infatti l’espressione più appropriata per definire il modo di vivere oggi di questi animali. Li si accusa di essersi moltiplicati a dismisura ed essere per questo la causa delle devastazioni dei terreni in cui sconfinano per sfamarsi. Tali terreni però sono stati occupati dagli uomini per i più svariati usi e quindi sottratti allo spazio necessario ai cinghiali per sopravvivere.
Quindi dove sconfina un cinghiale, ha già sconfinato l’uomo.

È così che i poveri cinghiali, che hanno visto i loro territori occupati dall’uomo, proprio dagli occupanti sono definiti invasori.
Ho scritto questo racconto per descrivere e comunicare questa singolare esperienza a tutti, ma in particolare ai giovani ed ai bambini.
Dedico questo piccolo libro a tutti coloro che cercano di vivere salvaguardando l’ambiente naturale. Lo dedico inoltre a tutti quei bambini che, come il mio nipotino, avendo difficoltà nell’apprendimento, a causa di patologie cerebrali, non sono in grado di leggere e scrivere, con la più grande speranza che un giorno questo possa accadere e che, come il giovane protagonista di questo racconto, possano finalmente essere liberi dalle loro “trappole”.

Autore: Ornella MARIGLIANI

Ornella Marigliani nasce a Terracina il 12 marzo del 1965. Infermiera professionale, da sempre appassionata degli animali e della natura, vive da diversi anni in una casa situata in uno dei posti più belli di Terracina.
Da questo luogo è nata l’ispirazione per questo libro.