PER NON DIMENTICARE

 

 

 

 

Formato: 21x29,7

 

Pagine: 424

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 20,00

 

ordina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Libro: LA GUARDIA DELLA RIVOLUZIONE II - La GNR nel 1944: organizzazione ed impiego militare

I primi mesi del 1944 furono dedicati all’organizzazione della nuova Milizia fascista che, prendendo per esempio le SS germaniche, si apprestava a diventare una vera e propria superpolizia politica, senza dimenticare, naturalmente, la “proiezione militare” con l’allestimento dei Battaglioni d’Assalto composti quasi esclusivamente da giovani e giovanissimi Volontari di Guerra, sui quali il Comando Generale della Guardia investì tutte le sue speranze.

Si dispose l’assorbimento nei ranghi della GNR dei Carabinieri e della Polizia dell’Africa Orientale (cui si aggiunsero anche le Squadre di Polizia Federale allestite dal Partito nell’Autunno 1943). I Carabinieri erano fondamentali per avere una copertura capillare di tutto il territorio nazionale; le Squadre di Polizia Federale, invece, dopo la nascita della GNR, avrebbero solo rappresentato un doppione di “milizia politica”, oltretutto poco gestibile.

Questo secondo volume vuole evidenziare il processo di organizzazione della Guardia Nazionale Repubblicana e il ruolo che questa Forza Armata ricoprì nel 1944, in particolare evidenziandone l’impiego sui fronti di guerra non solo italiani, ma anche all’estero. Infatti, dopo l’8 Settembre, in Balcania, numerosi Battaglioni CC.NN. non disarmarono e rimasero al fianco dell’alleato germanico. Di loro si è persa memoria storica. Pochi furono i Legionari che riuscirono a farsi rimpatriate. Per tutto il resto della guerra le Camicie Nere, inquadrate nelle Divisioni germaniche, continuarono una battaglia dimenticata da tutti in difesa dell’Europa perfino dall’avanzata sovietica.

Questi volumi fanno parte della Collana “Per non dimenticare” che la Casa editrice ha promosso con l’intento di portare a conoscenza dei cittadini, in particolare delle giovani generazioni, episodi legati a vicende di forte impatto sociale che hanno caratterizzato un’epoca ormai lontana e i cui aspetti salienti correrebbero altrimenti il rischio di perdersi nell’oblio, di venire irrimediabilmente inghiottiti nell’abisso inesorabile del tempo.
I passaggi cruciali di vicissitudini belliche che dal dramma dell’attualità stanno sfumando, o rischiano di sfumare, nella sedimentazione della storia non devono, non possono, essere messi nel cantuccio dell’oblio.
La Collana non presenta tuttavia solo storie di battaglie, vicende belliche o episodi militari. Perché come non si devono dimenticare gli episodi che hanno contrassegnato il passaggio alla libertà e alla democrazia, così non si devono dimenticare le tristi infanzie di quanti hanno sperimentato il pianto dell’orfano, o i percorsi della speranza di chi cerca un sollievo o una cura, o le silenziose guerre delle mille madri per strappare un figlio a quello che potrebbe apparire come un tragico destino.
La Collana annovera soprattutto scritti ad andamento quasi diaristico, nei quali gli autori mettono a nudo esperienze patite nello spirito e nella carne, lacerazioni e forzate separazioni sofferte dai loro nuclei familiari, vicende altamente drammatiche di profondi sconforti e di speranze tragicamente sconvolte.
“Per non dimenticare” vuole fornire ai cittadini di oggi elementi di lettura, di confronto, di riflessione che consentano di proiettare quelle singolari esperienze verso il domani. Un popolo che non ha memoria, che non ha soprattutto memoria storica, non ha futuro. Un popolo che tende a dissipare il suo patrimonio storico, fatto anche di gesti apparentemente insignificanti, in un malinteso e modernistico “usa-e-getta” mette la testa sotto la lama della ghigliottina. “Per non dimenticare” si propone di illustrare il passato per consentire di costruire il futuro.

Autore: Pietro CAPPELLARI

Pietro Cappellari è nato a Latina nel 1975, risiede a Nettuno (Roma). Ufficiale riservista dell’Esercito Italiano, laureato in Scienze Politiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, Master dell’Istituto “Enrico Mattei” di Alti Studi sul Vicino e Medio Oriente, Laurea Magistrale in Storia e Società. Collabora con la Fondazione della RSI – Istituto Storico.
È autore di Illustri nettunesi (2004); I Legionari di Nettunia (2009); Lo sbarco di Nettunia e la battaglia per Roma (2010); Santità, chi è stato? Bombe angloamericane sul Vaticano (2011); Nettunia, una città fascista (2011); La Fatima della RSI (2011); Carabinieri in Africa Orientale Italiana (2013); Il fascismo ad Anzio e Nettuno (2014); e Rieti repubblicana (2016). Ha curato la pubblicazione di Una Patria, una Nazione, un Popolo (2011); e Marciare su Roma (2013).

 

 

 

Altri Libri di questo Autore