DIRITTO, SOCIALE ED ECONOMIA

 

 

 

 

Formato: 17x24

 

Pagine: 188

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 18,00

 

ordina

Libro: LEGALITÀ E SICUREZZA

Il volume affronta alcuni istituti giuridici quali “la guida in stato di ebbrezza” e “l’immigrazione clandestina” in base alle nuove norme del pacchetto sicurezza (legge 125/2008 e 94/2009) con riflessioni sui concetti di legalità, giustizia e sicurezza.

… “Il problema innanzitutto è quello di avere e credere in una legge giusta a cui sottomettersi in ragione della convivenza civile e nello stesso tempo avere una applicazione giusta della legge” … “Identifichiamo molto spesso ciò che è giusto con ciò che debba essere sottoposto a legge e ci ribelliamo quando ciò che non riteniamo giusto sia coartato contro la nostra volontà. Il problema non è del rapporto tra legalità e sicurezza ma del rapporto tra legalità e giustizia”.

Autore: Antonio Ferdinando DE SIMONE

Di origine Pugliese, Avvocato Cassazionista, dal 2006 al 2009 è stato consigliere nazionale e componente del direttivo nazionale dell’Associazione Nazionale Forense (ANF) per poi ricoprire la carica di Vice Presidente fino al 2011.
è stato componente della commissione per il patrocinio a spese dello Stato e le difese d’ufficio presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati (COA) di Roma fino al 2011. Relatore in diversi convegni, collaboratore per riviste giuridiche, ha curato il volume “Patrocinio a spese dello Stato e difesa d’ufficio” edito da Giappichelli nel 2004.

 

 

 

Autore: Maria Claudia DI PAOLO

 

Laureata in Giurisprudenza all’Università di Roma “La Sapienza” con specializzazione in Criminologia Clinica e Psichiatrica Forense, dopo aver svolto i primi anni di carriera nel settore pubblico, nel 1977 entra a far parte dell’Amministrazione Penitenziaria. Dal giugno 2011 è Provveditore Regionale del Lazio.
Collaboratrice di diversi Direttori Generali, ha curato l’istituzione dell’Ufficio Pubbliche Relazioni, partecipando a numerose missioni all’estero.
Autrice di studi sul settore penitenziario, ha lavorato nel carcere di Regina Coeli come vicedirettrice per molti anni ed ha poi collaborato con il Capo del Dipartimento.