STORIA E ARCHEOLOGIA

 

 

 

 

Formato: 17x24

 

Pagine: 308

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 10,00

 

ordina

Libro: S. ANDREA STRADA DI CHIESA E DI CANNONI - Chiesa di S. Andrea dei Pescatori

Questo nuovo racconto è la storia di S. Andrea, Chiesa dei Pescatori. Nell’atto di Benedizione, si indica che la Chiesa fu benedetta sotto il patrocinio di S. Andrea Apostolo e della Beata Vergine Maria e che “edificata ed eretta con le elemosine dei pescatori e per il loro comodo”. Questa è la storia di due Chiese. Le Chiese di S. Andrea sono state due, legate da una continuità temporale, mai interrotta. La prima fu Benedetta il 23 Dicembre 1694 ed era ubicata sul Tommoleto, lato mare sopra il Ponte di Sacco, di fronte allo sbocco del Fosso di Capodomo, al Pantano del Sacco, ed alla Fossella del Sacco tra le attuali Strade S. Andrea e Sacramento.

La seconda fu Benedetta il 27 Dicembre 1794 ed è quella che ci è sopraggiunta, situata sull’attuale Strada S. Andrea. La Chiesa subisce il primo danneggiamento, molto pesante, e rimane priva di tetto e totalmente spogliata per opera delle truppe francesi, nel periodo della cosiddetta Repubblica Romana (1798-1799). Resta in queste condizioni per molti anni, prima di essere restaurata e fornita degli arredi e suppellettili sacre, necessarie per la S. Messa. A S. Andrea vengono minati e fatti saltare in aria i due ponti esistenti (23 Maggio 1944) e cioè quello di Caterattino e quello del Diversivo Nocchia. In quell’occasione, ovviamente, il tetto della Chiesa crolla e i materiali di risulta vengono asportati da ignoti.

Così è rimasta fino ad oggi. Siamo arrivati ai giorni nostri e dopo un anno di ricerche siamo riusciti ad individuare la proprietà del manufatto che è del Comune di Terracina, il quale ci ha affidato in Concessione Trentennale quello che è rimasto della Chiesa di S. Andrea dei Pescatori, per attività culturali. Quello che accadrà, il restauro ed il lancio dell’attività culturale sarà un altro racconto che, ancora, deve essere vissuto.

 

Autore: Edmondo R. ANGELÉ

Edmondo Romano Angelè è nato a Matino (Lecce) il 25/1/1935, sposato con tre figlie e cinque nipoti. Ingegnere, è stato docente in telecomunicazioni presso l'ITIS G. Galilei e G. Marconi di Roma. Nel 1978, in questa veste viene a Sabaudia, come Commissario esterno della Commissione per gli esami di Maturità Tecnica e non la lascia più.

Arriva a Bella Farnia nel 1980. Pubblica nel 1968 Complementi ed esercizi di elettronica generale, Edizioni scientifiche Siderea, Roma; 1968 Su Matinese (insieme a Giordano Giannico), Prima raccolta di tradizioni popolari Salentine, Fratelli Facciotti, Roma; 1979 Tre cose - Seconda raccolta di tradizioni popolari Salentine, ALM, Roma. Consulente professionale di Enti pubblici e privati, vanta una lunga esperienza nel settore dei collaudi. Attualmente è Presidente del Comitato Sabaudia sviluppo.

 

 

 

 

Altri Libri di questo Autore