SETTIMO POTERE

 

 

 

 

Formato: 15x21

 

Pagine: 252

 

Disponibilità: Disponibile

 

Prezzo: € 15,00

 

ordina

Libro: TEMI DESNUDA - Vademecum per creare una giustizia giusta

La Temi desnuda come Giustizia denudata, riecheggiante la Maya Desnuda del Goya. Temi o Temide è la dea greca, simbolo della giustizia, spesso rappresentata bendata come la Dea Fortuna.

Talora la benda ricopre occhi da cui escono rivoli di sangue perché forze pseudodemocratiche l’hanno accecata e le impediscono il giusto dosaggio della bilancia. In questo saggio a più mani, Gennaro Francione (anche curatore), Ferdinando Imposimato e Paolo Franceschetti, con interventi in pre e postfazione di Saverio Fortunato e Antonietta Montano, raccontano il fallimento di Temi nelle democrazie occidentali dove spesso la Giustizia è diventata un simulacro, una prosperosa babilonide, con in mano la mazza puntuta e ricoperta di metalli rugginosi, asservita, nell’applicazione pedissequa della legge, ai poteri forti.

Quali i rimedi per una nuova giustizia giusta? Lotta al processo indiziario, giudice di quartiere, nomofilachia nel favor rei, verdetti innovativi pro deboli contro i forti, diritto medicinale, separazione delle carriere e, infine, una gigantesca rotazione dei giudici: questi i rimedi per evitare il formarsi e rigenerarsi perenne della Casta costituente il Terzo Potere. Questa la via per una giustizia realmente democratica che renda concreti i principi di libertà ed uguaglianza, in nome di una fraternité gettata come contrappeso liquido sulla bilancia del Tribunale degli Onesti.

Autore: Gennaro FRANCIONE

Gennaro Francione, magistrato, è nato a Torre del Greco e vive a Roma. Scrittore, drammaturgo, attore e regista di teatro internazionale ha rappresentato in Italia e all'estero sue opere teatrali, indicato dal Centro Ugo Betti come il naturale erede del giudice drammaturgo Ugo Betti.

Membro Accademico dell'Internationale Burckhardt Akademie e fondatore dell'EUGIUS(Unione Europea dei Giudici Scrittori), di cui è Presidente, ha ideato il Movimento Utopista-Antiarte 2000, basato sulla Fratellanza del Libero Spirito Antiartistico. Gli è stato assegnato il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per gli anni 1995-1997-2003-2005.

 

 

 

 

Altri Libri di questo Autore