Spedizione gratuita per ordini superiori a 40€

PERSEIDI – VOL.1

Trattasi di due volumi di Poesie.

10,00

COD: HE-000234 Categoria:

Autore

  • Irene De Pace

    Irene De Pace, di origine calabrese, e precisamente di Crotone, nata nel 1940, risiede a Latina dal 1957, anno della sua iscrizione alla Sapienza di Roma. Laureata in lettere, è stata docente di scuola elementare e media e preside di scuola secondaria di primo grado. Fin dalle prime classi della scuola elementare ha manifestato una evidente predisposizione per la scrittura e grande amore e attenzione per la lingua italiana.

    Lettrice appassionata, ha coltivato nel tempo la vocazione alla poesia, pubblicando all’età di ventuno anni una silloge dal titolo Sottovoce, per i caratteri dell’Editrice MIT di Corigliano Calabro. Successivamente non ha pubblicato altro. Infatti, sposatasi e divenuta insegnante di ruolo, ha assecondato solo in maniera molto discontinua il suo interesse per l’attività poetico-letteraria, che spesso, e per lunghi periodi, è stata sacrificata in favore dei doveri, sentiti come preminenti e imperativi, nei confronti della famiglia e della professione. Giunta al traguardo della pensione e conquistata alfine una fetta di tempo per sé, ha recuperato il suo rapporto con la scrittura, dedicandosi come sempre alla poesia, ma, adesso, anche alla prosa nella forma del racconto breve, in cui convivono elementi fantastici e autobiografici.

    Avendo partecipato con esito favorevole a diversi concorsi nazionali, suoi scritti compaiono sin dal 1961 in varie antologie e rassegne. Su sollecitazione di amici ed estimatori, Irene De Pace dà oggi alle stampe questo testo, in cui raccoglie in ordine cronologico tutti i suoi scritti editi, ma sparsi in diversi rivoli. Il risultato è un libro agile, da prendere in mano nei brevi momenti di pausa, o da tenere sul comodino per chiudere la giornata con la lettura di una pagina semplice ed accattivante, o, ancora, da sfogliare nei momenti di solitudine per riceverne compagnia. Se ciò avverrà, sarà valsa la pena di averlo pubblicato.

Torna in cima